12 Settembre 2020

Dopo un quarto di secolo abbiamo ancora voglia di migliorare

Carlo Cianetti
Dopo un quarto di secolo abbiamo ancora voglia di migliorare

Assisi Mia ha compiuto 25 anni.

Cominciammo nel 1995 con l’intento di una narrazione inconsueta sulla vita delle persone e dei luoghi della nostra città, con storie (talvolta inventate) di un mondo che non poteva trovare spazio nelle guide turistiche.
Siamo stati costretti a qualche pausa, anche lunga, ma buona parte del gruppo che iniziò l’avventura ancora collabora e tiene viva questa esperienza giornalistica letteraria. Inizialmente uscivamo come trimestrale, arrivando a stampare fino a 10mila copie a numero. Poi, complice anche la mancanza di risorse, abbiamo limitato le copie ma garantito presenza fino a oggi.
La disavventura del lockdown è stata occasione per potenziare la nostra presenza sul web e così, da qualche mese, quotidianamente esce un articolo di Assisi Mia.
Da oggi questo sito diventa molto più agile e facilmente consultabile. Federico e Francesco Mancinelli ne hanno curato gli aspetti grafici e funzionali e ci sembra che siano riusciti ad assecondare in maniera appropriata l’evoluzione del racconto.
Pian piano, negli anni, abbiamo ampliato anche il gruppo dei collaboratori perché riteniamo che questa esperienza debba essere inclusiva, cioè scaturigine di progetti e nuove idee per la crescita della città: vogliamo cioè raccontare la storia di Assisi e in qualche maniera contribuire a scriverne il futuro.

Con l’adeguamento del sito apriremo anche nuovi capitoli.

Avremo 3 nuove rubriche: “Il dizionario biografico degli assisani”, curato da Damiano Frascarelli (che si avvale di un gruppo di studiosi e ricercatori), “C’è vita sul Subasio” a cura di Giuseppe Bambini e “Resonars fibris”, ovvero uno spazio settimanale sulla musica antica di cui si occuperà Peppe Frana.
Il dizionario degli assisani darà risalto a quei personaggi, che non necessariamente siano stati residenti o assisani di nascita, ma che hanno avuto un ruolo importante e riconosciuto nella vita sociale, politica, culturale della nostra città e talvolta del Paese. Cominciamo oggi con padre Evangelista Nicolini e prenderemo in esame, per una scelta interna della redazione, quasi esclusivamente personaggi deceduti da diverso tempo.
La rubrica di Bambini, ogni venerdì, si occuperà del monte Subasio: la botanica, gli animali, i luoghi di questa nostra grande madre, custode a volte misteriosa di mille ricchezze.
Resonars fibris è invece una rubrica che pone attenzione, il giovedì, alla musica antica. Abbiamo voluto dare risalto a questo genere perché sappiamo bene che nella nostra città ci sono tanti musicisti del settore.
È nostra ambizione portare avanti il progetto di un festival che in qualche modo possa essere la chiusura di una cerchio che si è aperto, storicamente, con il Calendimaggio. Curerà questa rubrica Peppe Frana, che si avvarrà della collaborazione di amici e colleghi musicisti.
Da oggi avremo anche un gruppo di fotografi che darà notizie e racconterà attraverso le immagini la nostra realtà. Insieme a Roberto Vaccai, che ha un ruolo di coordinamento, ci saranno Roberto Berti, Andrea Cova e Vinicio Drappo.
Come si diceva poco sopra Assisi Mia è un progetto aperto. Gli abbecedari, che continueremo a pubblicare anche sotto forma di libriccini, sono insieme divertissement letterario e occasione di riflessione sul passato e sul presente. Ma soprattutto stanno avendo il grande merito di coinvolgere persone che raramente prima di ora avevano deciso di mettersi a scrivere.
Ecco, ci piace ribadire che rimaniamo aperti ai contributi di chi ha cose da dire, ma non qualunque cosa.
Al nostro interno vi sono sensibilità e visioni diverse, ma abbiamo l’ambizione di rispettare uno stile e un minimo sistema di valori comuni ai quali attenersi. Assisi è città molto delicata dal punto di vista storico-monumentale. urbanistico e paesaggistico: arrivati a questo punto si può solo togliere, non aggiungere.

Il messaggio francescano è luce alla quale fare riferimento senza troppi indugi.

Carlo Cianetti
Carlo Cianetti

Giornalista a Radio Rai, appassionato di Assisi, ha fondato questo trimestrale nel 1995 insieme a Francesco Mancinelli e Giovanni Bastianini

Seguici

www.assisimia.it si avvale dell'utilizzo di alcuni cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore se vuoi saperne di più clicca qui [cliccando fuori da questo banner acconsenti all'uso dei cookie]