01 Settembre 2020

Immortale

Claudio Mancini
Immortale

Immortale è la fede che hanno i valfabbrichesi per la Festa D’Autunno,
Immortale è la certezza che il Palio di Valfabbrica nel 2021 ci sarà! Questa festa è Immortale perché in questo momento così difficile, la gente pensa continuamente alla Festa e i bambini ti chiedono: ma la festa si fa? Ma quest’anno la festa? Come si fa per il palio quest’anno? Allora è immortale la tristezza che leggi nei loro occhi, perché nessuno poteva pensare che un giorno la nostra festa non ci fosse! Allora ogni genitore si trova a spiegare e dire al proprio figlio: “Sai quest’anno purtroppo non ci sarà! Però non ti preoccupare, che stanno già lavorando per il prossimo anno e vedrai che sarà ancora più bella!”.
Si ancora più bella, grazie all’immortale contributo che le generazioni precedenti; artisti, scultori, pittori e professori hanno tramandato alle nuove generazioni e prodotto delle magnificenze che sono patrimonio di questa nostra meravigliosa festa! Ed è immortale il loro insegnamento come dal nulla o da una semplice idea che sembra solo utopia, escano fuori dei capolavori che rimarranno per sempre nelle nostre menti e nei nostri cuori. Immortale è la rievocazione degli “Infangati” messa in piedi dal Rione Badia, Immortale è la rievocazione degli “Antichi strumenti di Tortura”, presentata dal Rione Osteria, come è Immortale la rievocazione del “Grano” portata in scena dal rione Pedicino. Questa è la magia della Festa D’Autunno, di come riesca a far sognare e innamorare migliaia di persone.
Grande è la gioia della vittoria come lo è la tristezza per una sconfitta, ma è Immortale la voglia di riviverle ancora… e ancora… Perché le emozioni provengono dall’Anima e ogni Rionale ha nell’Anima la Festa.
Il Palio è come la nostra Anima: Immortale!

brevi note etimologiche a cura di Carla Gambacorta

Immortale è voce dotta dal latino immortalem, composto dal prefisso in- con valore negativo (‘non’), e mortalem (‘mortale’), quindi ‘imperituro, che non ha fine’. In senso più ampio, immortale è anche ciò che vivrà per sempre nella memoria degli uomini, come un artista in virtù delle sue opere, o come un eroe per merito delle sue gesta, oppure semplicemente come qualcuno che lascia un ricordo di sé in chi lo ha amato.

suggerimento musicale a cura di Francesca Tuscano

S. Bach Siciliano g moll BWV 1031 (Tat’jana Nikolaeva)

La musica, più di ogni altra arte, può farci percepire l’immortalità. Nella perfezione di una melodia e nella costruzione aurea di un’armonia. L’immortalità non possiede nuvole e incertezze. L’immortalità è limpida – come un teorema, come il cielo, come la musica di Bach.

Seguici

www.assisimia.it si avvale dell'utilizzo di alcuni cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore se vuoi saperne di più clicca qui [cliccando fuori da questo banner acconsenti all'uso dei cookie]