09 Giugno 2020

Edicola

Paola Mercurelli Salari
Edicola

Capitelli, santelle, maestà, tabernacoli, madonnelle, edicole sono sinonimi diffusi in Italia per identificare piccole strutture architettoniche atte a proteggere un’immagine sacra, solitamente poste nei crocicchi, lungo le vie, nelle facciate delle abitazioni o a segnare l’accesso di luoghi in cui trovare ristoro per il corpo e conforto per l’anima.
Ovunque e in ogni tempo sono state punti di riferimento: hanno suggerito il toponimo per un quartiere, hanno guidato il viandante nel suo procedere, hanno indicato la dedicazione di una casa, magari alla Madonna e a sant’Emidio per scongiurare i crolli del terremoto, hanno convocato al rosario in maggio o alle quattro chiacchiere nelle serate estive, quando accanto alle lodi mariane si tessevano quelle degli abitanti della via, tra pettegolezzi sussurrati e sacrosante verità conclamate.
Anche ad Assisi le edicole sono state mute testimoni di un lento procedere, scandito da cure e devozioni quotidiane, dai giochi dei bambini e dall’operoso lavorio degli artigiani, dai battibecchi di massaie e cicaleggi di fanciulle in fiore. Poi, improvvisamente, cedute le case tra i vicoli all’incalzante pressione turistica e convertita la bottega in negozio, la secolare dimensione colloquiale e socializzante dell’edicola è svanita. La tradizione orale evoca a Portica per la Madonna del Sacro Cuore una festa settembrina con l’offerta di panini al suono della banda; pochi ricordano il mese mariano a Capobove tra bandierine colorate. Solo a Perlici l’8 settembre la Madonnina di quartiere, conservata durante l’anno in Santa Caterina, è ancora portata in processione tra i vicoli con l’immancabile “gloria” finale alle fonti dell’anfiteatro.

brevi note etimologiche di Carla Gambacorta

Edicola, voce dotta dal diminutivo latino (aedicula)di aedes ‘(locale con) focolare’, quindi ‘dimora’ e poi ‘dimora sacra’ cioè ‘tempio’, era un tabernacolo che accoglieva una statua della divinità. Voce di tradizione dotta, entra in italiano nel ’400 grazie al latino ecclesiastico per indicare una sorta di nicchia, che ospita immagini sacre, annessa a un edificio. Nel secondo ’800 però assunse anche il significato di ‘chiosco’ per la vendita di giornali. L’antico senso latino di abitazione è evidente nei derivati edificare ed edificio, composti entrambi proprio da aedes e dal tema di facere.

L’ascolto musicale
a cura di Umberto Rinaldi

L’edicola è spesso lungo la strada, quale ex voto per un miracolo ottenuto. Invocazione o missione da realizzare chissà dove e perché. L’ascolto proposto sembra esulare dai confini religiosi… ma è sincera passione d’amore e vale quanto una preghiera.

Ascolto: La Paloma, André Rieu

Paola Mercurelli Salari

È storica dell’arte del MiBACT; da assisana amerebbe conoscere tutte le pietre della sua città e con il tempo spera di riuscirci.

Seguici

www.assisimia.it si avvale dell'utilizzo di alcuni cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore se vuoi saperne di più clicca qui [cliccando fuori da questo banner acconsenti all'uso dei cookie]