26 Giugno 2022

‘Salivo così bene le scale, possibile che io debba morire?’ Patrizia Cavalli (1945-2022)

Claudio Volpi
‘Salivo così bene le scale, possibile che io debba morire?’ Patrizia Cavalli (1945-2022)

È morta a 75 anni nel giorno del solstizio d’estate la poetessa Patrizia Cavalli. “La sua poesia non è stata, non è, un esercizio fatto per sé, né tanto meno per essere analizzato dai critici, ma un’armoniosa medicina universale dispensata per curare tutti. A migliaia, di ogni età, sesso, mestiere, estrazione sociale, formazione culturale, hanno affollato le sue performance nei teatri e nelle sale da concerto. In migliaia conoscevano e conoscono e portano a memoria i suoi versi. Più numerosi delle foglie di qualunque corona d’alloro di poeta laureato sono i fogli fermati dagli scatti dei cellulari che cospargono la rete di sue singole poesie o singoli versi sottolineati dai lettori, posati senza commenti, come un farmaco collettivo messo silenziosamente in circolo: un segreto antitodo al dolore universale, ai misteri di ciò che solo in apparenza è chiaro, in cui le ragioni e le condizioni del piacere e del dolore, i mutamenti impercettibili e decisivi che confondono o che intensificano quello che sentiamo e siamo, sono sottratti all’ombra e arresi all’evidenza” (Silvia Ronchey).

1

Salivo così bene
e scale,
possibile che io
debba morire?
Le salivo così bene
a ogni gradino
che anche il mio
più piccolo respiro
si svolgeva
mostrandosi sovrano,
e niente andava perso,
il dito medio e il mignolo
vibravano nell’intimo.
Perché è nei millimetri
che senti l’immortale disporsi
della regola.
Mai avrei potuto sembrare
più perfetta,
le chiavi in mano
col verde laccio di gomma
che le tiene e dondola.
Ma adesso
che cazzo vuole da me
questo dolore al petto
quasi al centro!
Che faccio, muoio?
O resto
e mi lamento?

2

La morte vorrei affrontarla
ad armi pari,
anche se so
che infine dovrò perdere,
voglio uno scontro
essendo tutta intera,
che non mi prenda
di nascosto e lentamente.

3

E me ne devo andare via così?
Non che mi aspetti
il disegno compiuto
ciò che si vede
alla fine del ricamo
quando si rompe
con i denti il filo
dopo averlo
su se stesso ricucito
perché non possa
più sfilarsi se tirato.
Ma quel che ho visto
si è tutto cancellato.
E quasi non avevo cominciato.

Claudio Volpi

Nato ad Assisi, dove vive e lavora. Laureato in Lettere Moderne, si occupa di Arte e Antiquariato, ha una Galleria D’Arte nel centro storico della città. Dagli anni ottanta ha pubblicato diverse raccolte di poesie, l’ultima quest’anno con il volume “Voci Versate”, Casa Editrice Pagine Roma.

Seguici

www.assisimia.it si avvale dell'utilizzo di alcuni cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore se vuoi saperne di più clicca qui [cliccando fuori da questo banner acconsenti all'uso dei cookie]