15 Gennaio 2022
Redazione Assisi Mia
Claudio Carli 30

Le case del cuore, mostra collettiva, Studio Watts, collettiva, Vicolo Gemine Astolfi, 2, Sangemini, dal 1 dicembre 1996 al 6 gennaio 1997.

Au noir, personale alla Galleria Arteuno, via de’ Redi 9/11, Arezzo, maggio 1997

Le opere della mostra —dal titolo de romanzo di Yourcenar L’oeuvre au noir— sono un irruente distacco dai paesaggi di luci e valori tonali che aveva caratterizzato fino ad allora la pittura di Claudio. Una fase, lunga nel prosieguo degli anni, di meditazione sul dolore o sull’imperscrutabile destino dell’umanità.

Giuliano Serafini, curatore indipendente e collaboratore del Museo Pecci di Prato, aveva scritto a proposito dei venti quadri esposti: «Il nero, dentro cui l’opera di Carli sta precipitando, diventa così il limite di una soglia assoluta, estrema, che è visiva ed estetica non meno che morale e mentale. L’artista ha abbandonato l’olio per il carboncino, aderendo quanto più possibile alla materia prima che si identifica con il nero, che di nero è chimicamente costituito, eludendo ogni meditazione e interpolazione strumentale … Tutto, in questi paesaggi disintegrati, sembra prendere costintenza minerale. Nell’asprezza delle forme emergenti su questi fogli, il segno assume spessore tettonico, quasi si fosse giunti ad un livello “geologico” dell’immagine, a quel momento primordiale che si rivela nella tensione energetica degli elementi.»

Le case del cuore, Depliant. Presentazione di Paola Watts
Au Noir, Copertina e frontespizio del catalogo. Presentazione di Giuliano Serafini
Au Noir, senza titolo, tecnica mista/tela, cm 150×150, da Terra di maestri, 2007
Au Noir, senza titolo
Au Noir, senza titolo
Au Noir, senza titolo
Au Noir, senza titolo
Au Noir, senza titolo
Au Noir, senza titolo

Seguici

www.assisimia.it si avvale dell'utilizzo di alcuni cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore se vuoi saperne di più clicca qui [cliccando fuori da questo banner acconsenti all'uso dei cookie]