Sostieni

Le Storie di Assisi

Paola Mercurelli Salari

Le preziose e un po’ dimenticate tele di Sermei a Rivotorto

Nel nostro immaginario, e in quello dei numerosi turisti che ogni anno raggiungono Assisi, la biblia pauperum francescana è rappresentata dagli affreschi della chiesa superiore di San Francesco, dove sul finire del XIII secolo Giotto e compagni narrano le vicende del nuovo santo sulla scorta della Legenda Maior di Bo...

Herpes

Nell’iconografia di sant’Antonio Abate il bordone, il campanello e la fiamma assumono significati con sfumature diverse in relazione ai luoghi della sua venerazione. Così il bastone a stampella può essere inteso quale emblema del monaco medievale, può alludere al dovere di assistere zoppi e infermi, o ancora a ...

Le pulci prendono aria

Sin dal tardo Cinquecento, con il diffondersi delle liturgie post tridentine, anche ad Assisi la solennità del Corpus Domini fu particolarmente sentita, tanto da esser celebrata fino agli anni Trenta del secolo scorso con ben otto processioni.  La prima si teneva al tramonto del giovedì successivo alla domenica dop...

Edicola

Capitelli, santelle, maestà, tabernacoli, madonnelle, edicole sono sinonimi diffusi in Italia per identificare piccole strutture architettoniche atte a proteggere un’immagine sacra, solitamente poste nei crocicchi, lungo le vie, nelle facciate delle abitazioni o a segnare l’accesso di luoghi in cui trovare ristor...

A Petrignano l’affresco di Berto di Giovanni, allievo del Perugino

Nel 1502 la piccola comunità di Petrignano, scampato il contagio della peste, fa affrescare nella chiesa di Santa Maria di Loreto del castello una Madonna col Bambino in trono, circondata da serafini, tra i santi Sebastiano e Rocco. La composizione è inserita entro una cornice lunettata a grottesche che poggia su un...

La bellissima edicola di San Quirico

Intorno al 1850 lo storico francese Ernest Renan nel visitare Assisi annotava: “La città è ancora più antica dei suoi monumenti. È completamente medievale, strade intere abbandonate sono rimaste pietra per pietra quelle che erano nel secolo XIV …La profusione dell’arte sorpassa ogni immaginazione. Il fuori, ...

Non è assisano ma ci affidiamo ad Ansano…

Se l’uomo medievale affidò ad ex voto, come i gonfaloni contra pestem, il suo ringraziamento a Dio per lo scampato contagio, l’uomo di oggi si è unito alla potente preghiera di uno solo, papa Francesco, per chiedere all’Eterno e alla Madonna la fine della pandemia. Ma poi, in cuor suo, ciascuno di noi invoca o...

I Gonfaloni della peste

In età medievale le pestilenze sono un male endemico, contro il quale la medicina del tempo non ha rimedi e la pietà popolare non può che invocare la misericordia divina. Tra il 1460 e il 1480 il morbo ha particolare recrudescenza, specie negli anni 1464-1468 e 1475-1479 quando numerosi sono i gonfaloni dipinti com...

Poche donne nelle vie…

Lo stradario assisano conta 121 intitolazioni di vie, vicoli, slarghi, piazze e piazzette. Fuori le mura 30 denominazioni evocano toponimi, protagonisti della storia del secolo scorso e due donne: Giovanna di Savoia, che ad Assisi sposa re Boris di Bulgaria nell’ottobre del 1930, e la scrittrice Ada Negri, particola...

San Giorgio

L’attuale piazza Santa Chiara segna in età romana e medievale il limite tra città e campagna. Da qui si diramavano tre vie: una scendeva a Moiano, una saliva a San Rufino e una terza, in cui le prime due confluivano, proseguiva verso Spello. L’arco duecentesco che delimita le mura della città di Francesco e C...

L’Annuncio a monna Pica della futura santità di Francesco

Riferisce frate Nicola da Assisi: «La mia casa paterna era unita alla casa del beato Francesco. Mia madre mi narrò questo episodio. Mentre la madre del beato Francesco stava distesa sul letto, come sono solite fare le donne dopo il parto, e le donne del vicinato stavano intorno a lei, venne alla porta un pellegrino ...

La Madonna delle rose di Viole d’Assisi

Molteplici sono i significati della rosa. È simbolo d’amore e sacra a Venere, perché un cespuglio di rose bianche fiorisce dalla schiuma del mare al momento della sua nascita. Nella tradizione cristiana la presenza di spine sullo stelo evoca quelle della corona intrecciata con i rami di euphorbia conficcata nella ...

Un pensiero a Betlemme

Le belle immagini che il video mapping restituisce in questi giorni in Piazza del Comune raccontano una città di luci, di colori, di opere d’arte. Tra le fotografie proiettate sugli edifici vi anche è la splendida Natività dipinta attorno al 1315 da Giotto con la sua équipe nella basilica inferiore di San Frances...

Fundraising per gli affreschi di San Vitale

Nell’estate del 2015 il gruppo social “Sei di Assisi se…” si è fatto promotore di visite guidate pomeridiane e serali alla scoperta di angoli nascosti e monumenti meno noti della città. Le iniziative hanno toccato le Carceri, le Rocche, le fontane cittadine, i vicoli più caratteristici, alcune sedi di confra...