Sostieni

Le Storie di Assisi

Carla Gambacorta

Litania

Miserere nobis, te rogamus, audi nos, ora pro nobis erano alcune delle formule responsive alle litanie che anche ad Assisi si recitavano in latino. Infatti, se già nel remoto Concilio di Tours dell’813 si deliberò che le omelie dovessero essere tradotte nelle lingue locali, solo dopo il Concilio Vaticano II fu con...

Offesa

Ebbene, sì. Il Calendimaggio, come altre competizioni del genere, vive anche di offesa. Offesa che si esibisce in piazza dalla tribuna, solitaria o in gruppo, oppure all’interno delle trame dei cortei o, ancor meglio, nel bando, senza contare il teatro delle cene che adornano la preparazione della festa. L’offesa...

Umiltà

Vedi alla voce:   Umiltà Umiltà, dal lat. humilitatem ‘qualità di ciò che è umile’, si è formato da humilem che, muovendo da humus, significava propriamente ‘poco elevato da terra’ e di conseguenza in senso figurato ‘di bassa condizione, modesto, semplice’. La ricchezza dell’italiano è racco...

Maschera

Vedi alla voce:   maschera Maschera, come accade spesso, presenta un’etimologia incerta. Ha forse un’origine preromana, o forse deriva da masca, documentato nel latino medievale mascam, sinonimo di ‘strega’, nel longobardo editto di Rotari del 643, e vivo ancora oggi in alcune zone dell’Italia settentr...

Virus

Negli ultimi decenni la lingua italiana ha assunto numerosi forestierismi, decisamente troppi, soprattutto anglicismi, e non solo nell’ambito delle nuove tecnologie. Quello che più sconcerta è che anche se la maggior parte degli italiani non conosce l’inglese, neanche a livello elementare, agility dog, all inclu...

I Magi e la Befana

Nel Vangelo di Matteo si legge che «alcuni Magi vennero da oriente» guidati da una stella alla grotta di Betlemme, in adorazione di Gesù bambino recando tre doni: oro, incenso e mirra. L’etimo delle voci magio (fatto sul plurale magi) e mago è lo stesso: il latino magus, greco màgos, persiano magush. Oriente...

Il Metule

Chiunque partecipi al nostro Calendimaggio, di qualunque generazione sia, sa cos’è il metule: con la sua cosiddetta “alzata”, e cioè con il suo esultante innalzamento fino a che la punta sia dritta verso il cielo, spesso infatti terminano Scene e Cortei. Certamente però i nativi digitali sanno cos’è, ma ...

Il ceppo di Natale

Nel corso dei secoli la voce ceppo (dal lat. c ppus) ha assunto diversi significati, tra i quali innanzitutto il piede dell’albero, dal quale sorge il tronco, o anche il pedale dell’albero tagliato. Il ceppo è anche il supporto di legno sul quale posavano il capo i condannati alla decapitazione, o lo strumento di...

Lu centru de lu munnu

Nel Medioevo ad Assisi si sentiva dire lu centru delu munnu. No. Non si tratta di usurpare primati altrui, ma di rievocare il volgare assisano dell’epoca di Francesco, modificatosi nel tempo soprattutto a séguito dell’influenza del perugino. Assisi infatti linguisticamente appartiene a quell’area di transizione...