Articoli scritti da

Per chi abita la montagna…

Questo è l’anno dantesco, che giustamente ci ricorda, ancora e ancora, che Dante è il padre della nostra lingua. Verissimo.... Leggi

di Francesca Tuscano

Giotto

Perché realizzare un'opera quando è così bello sognarla soltanto? (Decameron, scena finale) Assisi è Giotto. Come Padova,... Leggi

di Francesca Tuscano

Bestemmia

Il film su san Francesco è ancora un progetto lontano che non so se realizzerò o meno [… ] Ma poi non si tratta proprio di san... Leggi

di Francesca Tuscano

Vangelo

Io, per me, sono anticlericale (non ho mica paura a dirlo!), ma so che in me ci sono duemila anni di cristianesimo: io coi mie avi... Leggi

di Francesca Tuscano

Il Cantico (Uccellacci e uccellini)

Dove va l’umanità? Boh!Succo di un’intervista di MAO a Mr Edgard Snow(Titoli di testa di Uccellacci e uccellini) Pasolini... Leggi

di Francesca Tuscano

L’Appennino nel cielo

E disegna l’Appennino nel cielol’ombra di una esistenza più anticadal cuore più inespresso e più intero:nell’Abruzzo o... Leggi

di Francesca Tuscano

Distanza

Le comunità non prevedono distanza, o non sarebbero comunità (l’etimo impone il senso). Assisi è sempre stata una comunità,... Leggi

di Francesca Tuscano

Meglio una Piazza

Il Casone era Assisi e non era Assisi. Le città medievali hanno un dentro e un fuori. Il Casone era fuori. Oltrepassare Porta... Leggi

di Francesca Tuscano

La maestra M.

Ad Assisi il libero pensiero non aveva vita facile. Diciamocelo chiaramente, era una cittadina piccoloborghese. Come si sarebbe... Leggi

di Francesca Tuscano

Animali

Al Casone vivevano animali domestici e selvatici. Insetti e cani mi terrorizzavano. C., che abitava al primo piano, aveva un cocker... Leggi

di Francesca Tuscano

Domenica

La domenica del Casone a casa nostra era laica. Mentre gli abitanti di Piazza Nuova e dintorni si avviavano a San Rufino per la... Leggi

di Francesca Tuscano

La sedia

Il Convitto ospitava (e ospita ancora) elementari, medie e liceo scientifico. Le scuole più vicine al Casone. Per questo i miei... Leggi

di Francesca Tuscano

La paura e il mito

Era già caldo, e una notte, alle due esatte, sopra la mia testa sentii tre colpi. Mi rigirai nel letto – il Casone era in... Leggi

di Francesca Tuscano

La logica del rasoio

Tra Piazza Nuova e Piazza del Comune c’era un mondo. Ogni vicolo, ogni porta erano vivi. Da qualsiasi parte tu scendessi verso... Leggi

di Francesca Tuscano

Le notti degli aiuti

Ho sempre visto il Casone come un rifugio. Cupo, severo, solido. Pare sia stata una torre, e della torre ha mantenuto l’idea... Leggi

di Francesca Tuscano

Il gradino

In cucina, al Casone, c’era una parte rialzata alla quale si accedeva salendo un gradino. Quel gradino era un palcoscenico e il... Leggi

di Francesca Tuscano

Giochi di pietra e di acqua

Se abitavi al Casone, potevi giocare in luoghi molto diversi - per gli spazi che offrivano, e per lo status sociale che... Leggi

di Francesca Tuscano

Il giogo

Al Casone abitavamo al piano più alto. Ogni finestra offriva un punto di vista assolutamente diverso, il che, per una bambina che... Leggi

di Francesca Tuscano

Oltre la soglia

“Fuori Porta Perlici” non c’erano lampioni, e nei pomeriggi d’inverno si tornava a casa con la pila, per non inciampare. Un... Leggi

di Francesca Tuscano

I racconti del Casone

Il Casone è un edificio isolato, una vecchia torre riadattata che sta subito fuori le mura dell’Assisi di Sopra. È il passaggio... Leggi

di Francesca Tuscano

Seguici

www.assisimia.it si avvale dell'utilizzo di alcuni cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore se vuoi saperne di più clicca qui [cliccando fuori da questo banner acconsenti all'uso dei cookie]